Storia di Grifoni, Aquile e Volpi…

"Il motto inciso sotto il porticato di Via XX Settembre, all'altezza di S. Stefano".
… di fiero orgoglio genovese… e della sconfitta alemanna.
Federico II, nipote del celebre Federico Barbarossa, riprende il progetto del nonno, ovvero sottomettere con l’aiuto di e, con le flotte delle due città marinare unite, conquistare il Regno delle Due Sicilie per riportarlo sotto il dominio del Sacro Romano Impero, di cui la casata tedesca è legittima erede.
Le armate nordiche, quelle di tutti gli alleati ghibellini confinanti (interessati a sconfiggere la Dominante) da terra, e la flotta pisana dal mare, cingono d’assedio Genova.
La situazione sembra disperata ma i contadini e le plebi dell’entroterra insorgono arginando gli Alemanni e i loro alleati oltre Giogo, i nostri avi forzano il blocco navale pisano e li respingono in mare aperto.
Nel 1248 il Re tedesco accampato con il grosso dell’armata nei pressi di Parma verrà sconfitto e ricacciato in Germania anche grazie al decisivo contributo dei seicento genovesi accorsi in aiuto della città amica.
A eterno ricordo della gloriosa impresa le aquile imperiali degli Hohenstaufen sono state poste, a capo chino, a sorreggere la Porta della città (di Santa Fede o dei Vacca che dir si voglia), sorvegliate dai Grifoni.

"Le aquile degli Hohenstaufen poste a capo chino sui capitelli delle colonne "
“Le aquile degli Hohenstaufen poste a capo chino sui capitelli delle colonne per reggere la Porta”., “

Da allora il motto “Griphus ut has angit, sic hostes Janua frangit” (come il artiglia queste, riferito all’aquila tedesca e alla Volpe pisana, Genova distrugge i suoi nemici), già in voga dal 1193, sarà portato fieramente in battaglia con rinnovato orgoglio sopra lo stendardo, a fianco di S. Giorgio.
Sul finire dell’800 Genova ha voluto ricordare la sua Gloria riproponendolo sotto i portici di Via XX Settembre, la stessa Via, dove qualche decennio più tardi, altri tedeschi avrebbero sfilato sconfitti.


Ecco cosa simboleggia per la Signora del Mare che di lì, nell’arco di un secolo sarebbe stata battezzata Superba dal , il Grifone: orgoglio, coraggio, libertà!

 

3 pensieri riguardo “Storia di Grifoni, Aquile e Volpi…”

  1. Mi piace molto questa storia che non conoscevo (come la maggior parte di quelle che ci racconti)perché testimonia una volta di più la forza la potenza il coraggio e la solidarietà dei genovesi.Chissà se al giorno d’oggi sarebbe ancora così.

  2. Purtroppo decisamente no,al giorno d’oggi. Nessuno ( di noi ) ha chiesto alla Cancelliera di dettare legge ( basterebbe pensare come hanno ridotto l’economia greca ) ma in pratica sono loro che dettano le regole del gioco… Quanto ai Genovesi….bè abbiamo il calcio,lo smartphone, i tv curvi a led, non ci curiamo neanche di chi governa quaggiù….Quando si legge di Zena parlano solo di campionato di Pesto o di focaccia e di come è bello venire a fare shopping a Genova… Livio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *