Piazza Inferiore del Roso

Da via Prè addentrandosi in quel reticolo di che collegano con via Balbi si incontrano luoghi sconosciuti ai più.

Causa la nomea non proprio edificante della zona sono pochi infatti quelli che vi si addentrano non privi di un qualche timore.

Sopra la nicchia vuota dell'edicola votiva vuota una lapide certifica la proprietà e l'utilizzo del .

Eppure si tratta di un dedalo antichissimo ricco di tracce del passato, purtroppo mal conservato, in cui le edicole votive sono scomparse o rovinate.

Pietre di sbrecciati muri tardo medievali con arcate in laterizio spuntano dai prospetto dei palazzi del ‘600.

Il restauro della piazza avvenuto circa una decina di anni fa, se da un lato ha reso più vivibile il luogo, dall'altro non ha saputo tramandarne l'anima.

Al centro della piazza, al posto dello scomparso pozzo, una bella pianta verde infonde tuttavia speranza creando un legame con il passato.

Sia la via che la infatti devono il nome alla forma latino arcaica per indicare il giunco.

Non tutti gli esperti però concordano con questa spiegazione: secondo alcuni storici invece il toponimo deriverebbe dalla macerazione delle corteccia di quercia ad utilizzo della concia delle pelli, secondo altri dalla denominazione di una località detta del Roso nei pressi di Fontanegli.

In Copertina: Piazza Inferiore del Roso. Foto di Stefano Eloggi.

Vico Tacconi

sulle mappe antiche indicato come de' Tacconi è situato nel quartiere di Pre' nella zona di Via Balbi vicino ai truogoli di Santa Brigida e di vico Marinelle.

Il caruggio deve il nome all'omonima famiglia che aveva qui fino al ‘800 le sue dimore.

Qui al civico 17 visse e morì il 7 ottobre del 1777 Francesco Maria (1700-1777), sacerdote e geografo ma soprattutto storico genovese di riferimento del suo tempo.

Oggi, purtroppo, fa parte di quella rete di vicoli dove malavita e spaccio regnano sovrani.

In Copertina: Vico Tacconi. Foto di Stefano Eloggi.