La leggenda della pizza di Andrea…

Nella versione originale nata nel ‘400 la “Pizza di Andrea”, “Piscialandrea”o “Pissaladiera” era una cotta in tegame, ricoperta di acciughe distese su uno strato di cipolle.

In seguito fu arricchita di altri ingredienti come il pomodoro (proveniente dal Nuovo Mondo), l’origano, i capperi e le olive (fra cui le odierne taggiasche) della riviera.

Questa, secondo la leggenda, sarebbe la versione cara all’ammiraglio Andrea Doria.

"L'ammiraglio Andrea Doria".

“L’ammiraglio Doria”.

Nel corso dei secoli in tutto il ponente, Francia compresa, si sono diffuse numerose varianti, la più celebre delle quali è la “Sardenaira” sanremese, nota anche con il nome di “pizza di Sanremo”.

A Ventimiglia “Pisciadèla, nel nizzardo “pissaladiera”, in Francia.

Per quanto affascinante sia, va detto che la vicenda legata ad D’Oria non ha alcun fondamento.

Non esistono infatti documenti storici che attestino la predilezione di per questo piatto. Secondo i linguisti la genesi del termine non avrebbe dunque nulla a che fare con la fantasiosa associazione. Il vocabolo “pissaladiera, pissaladiėre” deriverebbe dal nizzardo “pes (o pis) salat”, pesce salato che sarebbe quindi, con buona pace della suggestiva versione legata al grande onegliese di Melfi,  l’interpretazione corretta.