Portone Piazza Sauli 3

Al civ. n. 3 di si trova la lussuosa dimora di Antonio Sauli edificata nel tardo ‘500 su presistenti pertinenza della famiglia dei Leccavela.

Prestigioso è il portale di scuola lombarda attribuito al maestro Gaspare della Scala.

Le paraste sono scolpite a candelabra mentre sotto i capitelli campeggiano due splendidi Grifoni purtroppo abrasi.

Sul trave sono rappresentate tre coppie di angioletti che reggono corone di fiori. Di queste, due presentano stemmi abrasi mentre nella terza è riconoscibile il trigramma di Cristo.

Trigramma di Cristo riportato anche sull’elegante fastigio a riccioli con scudo e unito al monogramma di Maria disegnato fra ghirlande e fiori.

Portale Piazza Sauli 7

Al civ. n. 7 si può ammirare il secentesco portale del Palazzo Leccavela.

La struttura è molto semplice con arco marmoreo a tutto sesto e mascherone e lunetta in ferro.

Sull’arco è inciso il motto:

Omne Genv / Flectatvr.

All’interno della raggiera posta sopra al motto è raffigurato il trigramma di Cristo con testine di cherubini e due angeli alati ai lati.

Edicola Vico Cartai angolo Banchi

All’angolo fra Vico Cartai e Piazza Banchi si trova una secentesca edicola con protagonista la Madonna.

All’interno del piccolo tempio classico di marmi policromi la Vergine è protetta da una pesante grata. Si tratta, come spesso accade, di una copia poiché l’originale è andato perduto.

Al centro del timpano curvo e spezzato una conchiglia con ai lati due pinnacoli.

Alla base l’epigrafe recita:

Anno 1613 Fvndatvm / Benefactorù Elemosynis Renovatvm /MDCLXX.

Renovatvm Anno MCMXVII.

Eretta nel 1613 e restaurata nel 1917.

San Giovanni, le Due Marie e la Madonna del Loreto

In Via della Maddalena sull’abside dell’omonima chiesa è incastonata la settecentesca  Battista. Talmente maestosa che gli storici dell’arte ipotizzano essere la parte superiore di un altare traslocato qui da qualche altro edificio religioso sconsacrato o demolito.

Protagonista è la statua del santo attorniata dalle Due Marie. Al centro del timpano spezzato la con ai lati due putti in adorazione.

Edicola in Via Prè 18

Al civ. n. 18, a fianco della scuola elementare San Giuseppe, si trova la settecentesca edicola in stucco con Madonnina poggiante su una grande mensola di marmo. La posticcia statuetta della Vergine in terracotta e l’approssimativa coloritura in blu costituiscono un insieme dozzinale coronato dall’immancabile irrispettoso groviglio di cavi penzolanti.