Storia di un pozzo…

"Il pozzo di Giano". Foto di Leti Gagge.
 … e del Bifronte…
Collocato al centro della Piazza di Sarzano alla confluenza con Via Ravecca, il eretto nel 1583 ad opera di Bartolomeo Bianco (celebre architetto operante in Via Aurea), un tempo si trovava davanti alla vicina chiesa di San Salvatore.
Nell’800 fu il Resasco (storico ideatore del cimitero monumentale di Staglieno) a spostarlo, insieme al busto, nella posizione attuale.

Il busto di Giano Bifronte infatti è attribuito alla perizia della famiglia Della Porta, noti scultori lombardi che l’avevano concepito per la fontana dei Vacchero, in Via del Campo.
L’originale, approdato dopo varie traslazioni, in cima al pozzo è custodito nel Museo Civico di Sant’Agostino, quello esposto è una fedele copia.
Già nel ‘300 la zona era utilizzata per la lavorazione delle sartie e del cordame navale, attività che necessitavano di molta acqua.
Per questo la Piazza era dotata di due cisterne utili anche, in caso di assedio, a garantire l’autonomia della città; una era posta sotto l’attuale chiesa di S. Salvatore l’altra, appunto, in corrispondenza del tempio di Giano.
Il Dio bifronte ha triplice origine orientale, greca e romana e simboleggia i nobili natali rivendicati dalla Dominante prima, Superba, poi.
Una faccia rivolta al mare, una ai monti, due facce speculari come il primitivo approdo del Mandraccio, appunto, il seno di Giano, che stringe a se il mare in un materno e rassicurante abbraccio.

Un commento su “Storia di un pozzo…”

  1. Quanta storia c’è nelle strade dove noi passiamo senza fare attenzione! Una cosa al giorno impareremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *