Storia di Corsari… genovesi…

"Il Galeone Pirata Neptune sul quale e' stato girato il film Corsari con W. Matthau, ancorato nel Porto Antico".
Siamo nell’anno del Signore 1230, allorché, le autorità cittadine, viste le numerose lamentele dei Paesi vicini, sono costrette ad arrestare i Capitani e gli equipaggi di alcune galee, ree di predoneria.
I primi vengono condannati a morte, i marinai dei secondi, al taglio della mano.
Dato che in città non c’è famiglia che non abbia un parente fra i condannati, scoppia una vera e propria sommossa.
“Il Galeone Neptune”. Foto di Leti Gagge.

Nemmeno l’intervento dell’Arcivescovo riesce a far tornare il Podestà (che ricordo, per statuto, era foresto) sui propri passi.
Così dinnanzi alla prigione si radunano le donne che affrontano impavide, a sassate, i militi della Guardia.
Il Podestà stesso, si lancia a cavallo in mezzo alla folla ma, lo stallone scivola e questi si rompe una gamba.
Il Podestà rifiuta le cure dei medici genovesi preferendogli quelle dei milanesi, suoi concittadini.
Morirà dopo tre giorni…
Nel frattempo viene eseguita la sentenza ma i primi due Capitani, appesi alla forca, non muoiono così, nel nome di Dio e di S. Giovanni, il Podestà moribondo comandò che fossero lasciati liberi e con loro tutti gli altri !

7 pensieri riguardo “Storia di Corsari… genovesi…”

  1. Una storia davvero impressionante,sembra la trama di un film d’altri tempi.Comunque a lieto fine per i corsari genovesi anche se devono avere passato dei momenti veramente spaventosi

  2. Carissimi Amici leggo tutti gli articoli e i racconti di Storia Antica della Nostra AMATA GENOVA, Il Carissimo Vittorio ha fatto un lavoro bellissimo dà la possibilità di comprendere specie i giovani ( Io lo dico a molti ragazzi che conosco ) cosi’ conoscono la Nostra Storia, sà raccogliere Notizie che a molti sono sconosciute, Grazie Caro Vittorio a tutti un abbraccio una Nonna GENOVESE che AMA LA SUA GENOVA.

  3. Caro Vittorio, pretendo troppo, hai per caso fatto dei Video? o vi sono altri Amici che ce li fanno vedere per cortesia?Con i miei
    dolori è stato impossibile, mio figlio ha fatto delle foto esterne,
    voleva portarmi ma vi era una Coda….Ti ringrazio e tanti salutoni.

  4. A Mae Zena ci fa capire come allora si potesse morire per una caduta da cavallo abbastanza banale,e sopravvivere dopo una impiccagione mal riuscita.A differenza di oggi l’intervento dei medici milanesi non risultò così determinante.Davvero un evento interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.