“L’Edicola dei Beccai”…

"Edicola dei Beccai". Foto di Giuliano Nardini.

Spesso ho parlato delle edicole votive perché costituiscono, per lo meno nella loro spontanea e sincera testimonianza devozionale, una caratteristica peculiare dei nostri caruggi.
Senza considerare quelle fuori le mura, lungo ponti o creuze, dentro chiostri, oratori o palazzi privati, se ne contano ben 849.
Ve ne sono d’ogni forma e foggia: a tempio, bassorilievo, medaglione e dipinto.
Ad esempio molto grande e conosciuta è quella settecentesca, commissionata dalla Corporazione dei Beccai, sita all’incrocio fra la via e piazzetta dei Macelli di Soziglia.

“Scorcio della Piazzetta dei Macelli di e ”.

L’edicola, fatto inusuale è posta non in alto come al solito, ma quasi all’altezza dei passanti.
Presenta un grande tabernacolo in stucco che custodisce al s
uo interno la settecentesca statua marmorea di “Madonna di Città” la quale, seduta, porta il Bambinello in braccio con due curiose teste di cherubini che spuntano dai drappeggi.

Alla base un cherubino alato sorregge la mensola , ai lati due grandi angeli in soffici vesti, reggono il timpano curvo con la raggiera e lo Spirito Santo.
Ai piedi l’epigrafe regala una sorpresa e pone un quesito al quale non ho trovato risposta: “Laniorum Ars Huius / Modi Deipare Simula / Crum Posvit Anno / Dni MDCCXXIV (1724)”.
In latino “Laniorum” è il genitivo plurale da “Lanis” (macellaio) e significa “dei macellai” da non confondersi con “Lanariorum” che deriva da “Lanarius” e significa “dei lanaiuoli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.