La storia di tutte le storie…

"Guglielmo Embriaco, Gerusalemme 1099 opera di Giovanni Battista Carlone custodita nella cappella di Palazzo Ducale.
… di un guerriero impavido le cui gesta riecheggiano nell’eternità… di un Sepolcro, di ingegno e di coraggio… di Crociati… tesori e onori.
Nel 1099 Guglelmo , detto Testa di Maglio (“Caput mallei”) per la sua prestanza fisica e per il suo indomabile carattere (era alto un metro e novanta centimetri, per l’epoca un gigante e piuttosto irascibile) insieme a suo fratello Primo arma due galee, l’Embriaga, la Grifona e, con circa duecento uomini fra marinai, soldati e balestrieri, salpa alla volta di Giaffa.
Accortosi dell’arrivo di una numerosa flotta musulmana, sbarca nel porto della città, fa smontare letteralmente le navi, si traveste da mercante e in carovana percorre i venti chilometri che lo separano da .
Giunto al campo crociato si fa ricevere da Goffredo di Buglione, comandante delle forze cristiane e, in cambio di un cospicuo bottino, promette di conquistare la città con i suoi duecento uomini laddove non erano riusciti gli alleati in diecimila.
Fra l’ilarità generale con il legname delle navi fa alzare delle torri alte quaranta metri., le ricopre di pece perché non prendano fuoco e le posiziona sul lato sud della cerchia, da lui ritenuto il più debole.
Sopra le torri, mentre le catapulte devastavano le mura, i Balestrieri scagliavano i loro terribili dardi.
 Embriaco guida l’assalto decisivo scalando per primo le mura e terrorizzando i nemici.
Gerusalemme è conquistata il Genovese consegna le chiavi della città a Baldovino di Fiandra primo re cristiano del Regno latino.
Goffredo di Buglione mantiene le promesse e i genovesi hanno un fondaco, un pozzo, una piazza, una chiesa, trenta case e un terzo del bottino.
Sull’architrave del Santo Sepolcro viene inciso a lettere d’oro “Praepotens Genuensium Praesidium” (“Grazie allo strapotere dei genovesi”).
Tra i numerosi tesori che Guglielmo porterà in patria il Sacro Catino, per secoli ritenuto erroneamente il Graal e le ceneri del Battista, entrambi conservati in S. Lorenzo.
A riconoscimento del prestigio acquisito, per decreto consolare, tutte le torri cittadine verranno mozzate, in modo che nessuna superi in altezza quella del condottiero.
Così sono nati i Crociati e da allora la Croce di S. Giorgio è ufficialmente divenuta simbolo di .
 

13 pensieri riguardo “La storia di tutte le storie…”

  1. Il gigante Embriaco oltre alla prestanza fisica ha dimostrato di avere anche una grande intelligenza e la sua impresa è davvero memorabile.Un altro bel capitolo quello di questa sera .Grazie Vittorio.

  2. Bel racconto, entusiasmante che mette in rilievo una importante caratteristica dell’animo genovese : fare ciò che nessuno penserebbe di fare,in questo caso, smontare le navi per vincere !! Saper osare, come fece anche Colombo.
    Nel mio microcosmo familiare, non paragonabile alle Crociate, mi hanno raccontato che al bisnonno Domenico, capitano di lungo corso, in un suo viaggio di ritorno dal Sud America, la nave, causa tempesta, si spezzò in due.Velocissimi i marinai avvolsero con le grandi vele la parte rimasta e … giunsero in porto a Genova , trionfanti , accolti con applausi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *