Il coraggio del Tenente…

"La lapide posta sulla casa natale di Giuseppe Brignole nel centro di Noli".

Il 10 giugno 1940 l’ entra in guerra e si prepara a difendersi, anche proteggendo i propri simboli e monumenti, dagli attacchi avversari. Quattro soli giorno dopo Savona e sono le prime città italiane, a subire l’oltraggio nemico. Proprio come già avvenuto nel lontano 1684 quando la Superba si oppose all’affronto del Re Sole, anche stavolta una flotta francese, si dispone minacciosa all’orizzonte delle coste liguri. Intorno alle quatto del mattino appare la terza squadra navale francese, guidata dal Contrammiraglio Duplat. Composta da 4 incrociatori da 10 mila tonnellate (Algerine, Foch, Dupleix, Colbert) scortati da 11 caccia e 4 sommergibili, era partita dalla rada di Tolone alle 21 e 10 della sera prima. La copertura aerea era garantita dai 9 bombardieri al loro seguito. Come obiettivi aveva le fabbriche di Vado Ligure, Savona e l’area industriale-portuale di Genova. Giunta a 20 miglia a sud di Capo Vado alle ore 3 e 48, la squadra francese si divide in due gruppi, con bersaglio rispettivamente Vado/Savona e Genova.

Ha inizio così l’operazione chiamata ”Alba di fuoco”: alle 4 e 26 l’incrociatore Algerie apre il fuoco sugli insediamenti industriali di Vado. Due minuti dopo il Foch colpisce l’Ilva di Savona. Contemporaneamente i caccia si fanno sotto costa e colpiscono i  depositi e le altre officine della rada. Alle 4 e 48 l’attacco su Savona cessa. Il nefasto bilancio è di sei morti e 22 feriti. Le navi francesi si ritirano indisturbate. Nel frattempo, la seconda squadra navale si dirige su Genova; dalle 4 e 26 alle 4 e 40 incrociatori e caccia francesi bombardano il porto e gli stabilimenti dell’Ansaldo, nel ponente cittadino.

img_20161123_174723
“Gli operai erigono muri di mattoni per proteggere la Cattedrale dagli imminenti attacchi nemici. Il leone del Rubatto assiste preoccupato”.

 All’improvviso però, dalla bruma mattutina del porto della Superba, sbuca una nave da guerra italiana, i cui sfuocati contorni disegnano una piccola, obsoleta torpediniera, la Calatafimi. La vecchia nave, 967 di tonnellaggio, armata con pezzi di piccola artiglieria, si trovava di scorta ad un posamine. Individuata la squadra francese, il comandante della Calatafimi, il tenente di Vascello , malgrado la sproporzione delle forze, non ha esitazioni e si lancia contro la formazione nemica sparando colpi di modesto calibro e lanciando due siluri. Una seconda coppia di siluri si inceppa nei tubi di lancio ma il nolese, per nulla scoraggiato, insiste nella sua audace impresa . Un proiettile colpisce il caccia francese Albatros. Alle 4 e 48, anche il secondo gruppo francese si ritira riunendosi alle navi della prima divisione.

img_20161123_174348
“Operai proseguono i lavori per la costruzione della mattonata a protezione del Portale di S. Lorenzo”.
img_20161123_174812
“Autorità militari e civili osservano i danni dello stabilimento Ansaldo presso Multedo. Al centro spicca la torre della cinquecentesca Villa Rostan, attuale prestigiosa sede del Genoa C.F.C. 1893”.

Nonostante l’eroica azione dell’ufficiale di Noli la spedizione francese rese evidente la fragilità e la pochezza dell’apparato militare italiano, incapace di provvedere alla difesa delle proprie città e dei loro abitanti. L’assenza di ricognizioni aeree e di navi da guerra di peso, nonché il mancato intercettamento delle navi nemiche sulla via del ritorno avevano permesso che una flotta nemica potesse arrivare indisturbata davanti a Genova e ritirarsi impunita.

Al comandante Giuseppe Brignole venne conferita la Medaglia d’oro al valor militare con la seguente motivazione.

giuseppe-brignole
“Ritratto del Tenente Giuseppe Brignole”.

“Comandante di torpediniera di scorta ad un posamine avvistava una formazione di numerosi incrociatori e siluranti nemici che si dirigevano per azioni di bombardamento di importanti centri costieri, ordinava al posamine di prendere il ridosso della costa e attaccava l’avversario affrontando decisamente la palese impari lotta. Fatto segno ad intensa reazione manovrava con serenità e perizia attaccando fino a breve distanza con il siluro e con i cannoni le unità nemiche. La sua azione decisa e i danni subiti dalle forze navali dell’avversario costringevano questi a ritirarsi. Esempio di sereno ardimento e sprezzo del pericolo e di consapevole spirito di assoluta dedizione alla patria. Mar Ligure 14/6/1940”.

Anche lo stendardo della Calatafimi venne nobilitato e decorato dalla medaglia d’argento.

img_20160103_175736
“Risseu con il simbolo dell’antica Repubblica marinara di Noli che prosperò, fedele alleata di Genova, dal 1192 al 1797”.

Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 l’ufficiale ligure rifiutò di servire la Repubblica di Salò, venne internato in Germania per rimpatriare solo nel settembre del 1945 e ottenere il titolo di Capitano di Corvetta prima, di Fregata poi.

 Ma se l’antico adagio recita: “Voto da mainâ presto o se scorda, passâ a buriann-a ciû o no se ricorda”  il tenente il suo giuramento ha onorato e Genova e Noli non hanno dimenticato!

Nel solco dei grandi uomini di mare della nostra terra Noli onora orgogliosa il suo coraggioso concittadino morto ottantaseienne a Genova nel 1992.

Un pensiero riguardo “Il coraggio del Tenente…”

  1. Io c’ero ,anche se bambina,ma non conoscevo la storia del tenente Brignole,un vero eroe. Ho conosciuto la guerra con il bombardamento navale inglese del 9 febbraio 1941
    ..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *