Vico Cimella

Nell’antico quartiere del Molo, a saper ben guardare, si scoprono scorci assai suggestivi.

È il caso, ad esempio, di con la sua scenografica sequenza di archetti in laterizio fra i palazzi e il basamento delle mura.

Questi archi avevano la funzione sia di consolidamento delle pareti dei magazzini che quella di ingegnosa condotta per le acque.

L’origine del toponimo Cimella rimanda alla traduzione di Cimiez nome della cittadina natale di San Celso Martire.

Cimiez vicino a Nizza, infatti, era un tempo genovese e il Santo, insieme a Nazario,fu il primo a predicare il Vangelo in .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.