… Quando l’Angelo della Vittoria…

Quando all’inizio di , all’angolo fra e Via dei Fogliensi  ancora negli anni ’30 c’erano sì dei parcheggi ma non per le macchine, bensì per i gozzi  dei pescatori della

quando il traffico era costituito da tranvai e tombarelli e la strada era poco più che uno sterrato.

Dall’alto dell’omonimo palazzo di fattura razionalista l’angelo della Vittoria, oggi come allora, vegliava autorevole sull’incrocio.

La statua, di fatto una “Nike” scolpita da Guido Galletti, reggeva in pugno una ghirlanda, credo andata perduta durante la guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.