Quando in Via Canevari…

la strada intitolata al celebre medico…  il Ponte di S. Agata  era ancora provvisto di  cinque delle sue 28 arcate originarie e sorvegliava il corso del Bisagno… ne aveva sopportate tante di alluvioni ma non immaginava certo la violenza di quella del ’70… quando, sullo sfondo, la ciminiera della centrale elettrica sbuffava ancora le sue a pieno regime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.