“Lo Sperone di una nave… sopra un monte”…

"Forte Sperone". Foto di Leti Gagge.

Il Forte dello , si eleva sul monte Peralto a 512 metri s.l.m. in un sito estremamente scenografico perché punto d’incontro del baluardo con il ramo settentrionale delle secentesche Mura Nuove.

lo-sperone
“Il punto d’incontro delle Mura Nuove con lo Sperone”.

La congiunzione dei due  tratti di mura, quello sul versante della Val Polcevera e quello sul Bisagno forma una prua di una nave, a guisa di sperone che da, appunto, il nome al complesso. La Fortezza si sviluppa su tre bastioni: Bastione Puin affacciato sul lato della Val Bisagno, Punta dello Sperone rivolto a  nord e del Torbella  o Poterna  sul Polcevera.

Venne costruita nel 1747, dopo l’insurrezione contro austriaci e piemontesi, sul sito dove dal 1319 sorgeva “la Bastia del Peralto”. La supervisione dei lavori venne affidata al Capitano Speroni e da qui, per assonanza nacque l’errata interpretazione dell’etimologia del suo nome, associata al cognome del militare. La Piazza poteva ospitare fino a 125 soldati che, in caso di necessità, potevano triplicare il loro numero.

Nel 1800, durante l’assedio austro inglese della città, la “Poterna” essendo l’unica via di collegamento con il Diamante e i Due Fratelli, su disposizione del generale Massena, venne chiusa e murata perché, parole sue: “mal difesa e facile a sforzarsi ” e, soprattutto, per difendersi da eventuali sommosse intestine. L’importanza strategica del forte è testimoniata anche dalla sua straordinaria, per l’epoca, potenza di fuoco sempre, via via aumentata, dai difensori della roccaforte.

Con l’avvento dell’amministrazione francese (1805 1814) subì rifacimenti e migliorie, passato in mano sabauda nel 1815 venne sensibilmente trasformato con ampliamento della caserma e con l’elevazione di due poderose torri angolari ai vertici. La capacità di accoglienza del forte venne triplicata, 300 soldati che, all’occorrenza, potevano aumentare fino a 900.

Ripartito su tre livelli: al primo si trovavano l’ingresso principale, magazzini, locali vari, cisterne, prigione, polveriera e armeria, al secondo gli uffici, le tre camere degli ufficiali, quella del Cappellano e la Cappella, al terzo gli alloggi della truppa. La scenografica ripartizione delle masse, bilanciate sulle sporgenze irregolari del suolo, dona al forte quell’aspetto superbo ed imponente che lo contraddistingue.

sperone
“L’ingresso principale del Forte sovrastato, ahimè, dallo stemma in marmo di Carrara dei Savoia”.

 Come tutte le altre strutture circostanti, anche questo forte dal 1914 una volta dismesso, è stato abbandonato, trascurato e saccheggiato (ad esempio dall’intelaiatura in legno che ordiva il tetto). Per un breve periodo, durante la Prima Guerra Mondiale, ha ricoperto la funzione di carcere ospitando un contingente di prigionieri serbi e croati. Dagli anni ’50  agli ’80 è stato utilizzato come caserma della Guardia di Finanza. Infatti sul piazzale prospiciente sul lato nord venne costruito un edificio per le necessità dei militari che ne alterarono il prospetto originario.

Fino a qualche anno fa è stato scenario di accattivanti iniziative culturali, fungendo da spettacolare cornice a rappresentazioni artistiche di vario genere, dall’ambito storico letterario, a quello teatrale, come nel caso, ad esempio ,della nota manifestazione “Luci sui ”.

img_20161111_124057-1
“Immagine che rappresenta, e se ne comprende il perché, il bastione, da questo lato, venisse chiamato, vista l’interminabile successione di scalini in pietra, “delle scalette.”

Nella speranzosa attesa che anche questo gioiello venga recuperato e valorizzato nell’ambito del progetto “Forti Insieme” di delocalizzazione dal Demanio al Comune, Il Servizio Giardini e Foreste e la cooperativa Dafne, organizzano delle visite guidate. In ogni caso Lo Sperone merita di essere meta di una panoramica passeggiata… per provare l’inimitabile sensazione , in un agreste contesto, di dominare i monti dalla tolda di una nave.

2 pensieri riguardo ““Lo Sperone di una nave… sopra un monte”…”

  1. Purtroppo non conosco il forte Sperone,le mie passeggiate si limitano ai dintorni del Righi e mi e’ piaciuto molto conoscerne la storia e anche l’origine controversa del suo nome.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *